Select your language


Strada Giaveno, 29
S. Bernardino di Trana (TO)
Tel. 011 933106

Locale del cuore di Convivium

Data/Date: 8-6-14
Tipologia del Locale: Ristorante
Chef: Franco Giacomino


ATTENZIONE!
Abbiamo pubblicato un nuovo reportage de La Betulla a questo link.






The Convivium photoreports don't need captions (and most dishes names cannot be translated): although you wont find a full translation, simply looking at pictures you'll live an experience as if you were there.
Enjoy!

Descrizione

Il ristorante La Betulla si trova sulla strada statale collinare che unisce Trana a Giaveno, nei pressi del Lago di Avigliana, a pochi chilometri da Torino.







Il locale si presenta con un ingresso luminoso ed accogliente.







Accanto al tavolino del ricevimento spicca il mobile angolare in legno scuro che espone alcune suggestioni dalla fornitissima cantina.
Sulla sinistra dell'ingresso si apre una prima saletta che, quando non è apparecchiata, ospita in bella mostra libri e guide che hanno parlato de La Betulla.



Sul lato destro si trova una seconda sala da pranzo, intima e raccolta, decorata in morbide tinte pastello, che può essere riservata per eventi privati, anche apparecchiando un unico grande tavolo conviviale.







La grande sala da pranzo principale è arredata con ampi tavoli rotondi ben separati fra loro ed apparecchiati con gusto.











L'ambiente è moderno e confortevole, con pavimenti in legno chiaro, pareti color giallino e grandi specchi a tutta parete.









Spiccano i due bow windows laterali e, al centro della sala, i ricchi carrelli dei distillati e dei formaggi.







L'allettante assortimento di formaggi merita senz'altro un approfondimento, con una carrellata di inquadrature nei particolari.







La cantina vanta più di 700 etichette, con un criterio di scelta improntato sulla territorialità: ci sono soprattutto vini piemontesi, con una bellissima selezione di Baroli e Barbareschi e con una ragionata presenza di etichette della Val Susa e del Pinerolese - che per la loro qualità avrebbero bisogno di essere più conosciute.
Fra i vini bianchi, grande attenzione è rivolta alle regioni più vocate quali l'Alto Adige, il Friuli e la Sicilia. Poi qualche buon francese, qualche spagnolo e qualche americano...
Per entrare a pieno diritto in carta, debbono comunque essere vini che abbiano qualcosa da raccontare: questa la filosofia, pienamente condivisibile, di Franco e Laura.







Gli ampi tavoli sono apparecchiati con eleganti tovagliati chiari, posate Sambonet e calici Rastal e Zafferano.
Il servizio in sala è svolto con classe e grande garbo da Laura, moglie di Franco Giacomino.