Select your language


Via Alba, 136
Canelli (AT)
Tel. 0141 823544
Fax 0141 829205



Data/Date: 22-9-14
Tipologia del Locale: Ristorante, 1 stella Michelin
Chef: Mariuccia Roggero


ATTENZIONE!
Abbiamo pubblicato un nuovo reportage del Ristorante San Marco a questo link.






The Convivium photoreports don't need captions (and most dishes names cannot be translated): although you wont find a full translation, simply looking at pictures you'll live an experience as if you were there.
Enjoy!

Descrizione

Il ristorante San Marco rappresenta una vera istituzione nelle terre di Cesare Pavese.
C'era già ai tempi del grande scrittore e poeta piemontese, come osteria con stallaggio, e c'è oggi, come ristorante raffinato, sotto l'attenta conduzione familiare della chef Mariuccia Roggero e del marito Piercarlo.





Gli inconfondibili esterni sono costituiti da una casetta a due piani dai muri gialli, con un luminoso ingresso a bussola con portoncino in legno e vetro.











Varcata la soglia, ci si trova in un ambiente intimo, caldo e accogliente, dotato di angolo bar e di angolo salotto, arredato con tappeti, divani, piante ornamentali (tra cui una interessante collezione di bonsai) e un camino accanto allo scrittoio.
Sopra al camino, due nicchie fungono da vetrina ad alcune delle oltre 600 etichette presenti nella ricca carta dei vini.















L'unica sala con sviluppo ad elle -otticamente suddivisa in più zone da una colonna centrale ed un tramezzo a balaustra- ha pavimenti in cotto, pareti bianche che creano un elegante contrasto con le travi in legno scuro ai soffitti, tavoli per la maggior parte rotondi, apparecchiati con ricchi tovagliati Coritex e comode poltroncine rivestite in tessuto.
Al fondo della sala, accanto al tavolino di servizio, una scala conduce alla tavernetta, a disposizione per piccoli gruppi, e alla cantina-enoteca.









Miguel è un "padrone di casa" simpatico, coccolone e discreto.



Il ricco carrello dei formaggi merita un indugio e un assaggio.





Siamo capitati nel periodo inaugurale della stagione del pregiato Tartufo Bianco d'Alba, e lo abbiamo trovato già presente in quantità al San Marco.







I bagni sono moderni e accoglienti.



La "mise en place" prevede sottopiatti in argento con le cifre, porcellane Richard Ginori posate Sambonet e Broggi, calici Luigi Bormioli e Schott Zwiesel, bicchieri da acqua in vetro di Murano con borchie colorate.







In sala opera Piercarlo Ferrero con il valido aiuto del cameriere Giuliano.
Anche Mariuccia vi si affaccia frequentemente dalla cucina, per salutare ogni ospite singolarmente e per sincerarsi del gradimento dei suoi piatti.