Sélectionnez votre langue


Via Scatilazzi, 15
Acqui Terme (AL)
Tel. 0144 325206





ATTENZIONE!
Abbiamo pubblicato un nuovo reportage del Ristorante I Caffi a questo link.

Data/Date: 29-6-13
Tipologia del Locale: Ristorante gastronomico, Stella Michelin
Chef: Bruna Cane





Les reportages de Convivium n'ont pas besoin des légendes (et la plupart des noms des plats n'est pas traduisible)
Notre "format" photographique veut donner l'impression de vivre une véritable expérience du goût et du plaisir, avec les photos de tous les plats!
C'est pourquoi nous vous invitons à continuer la lecture sans tenir compte des textes en Italien.
Descrizione

Il ristorante I Caffi, da sempre presente in Convivium, ad ogni spostamento di sede ha guadagnato in prestigio e bellezza del setting.
Dopo 28 anni di ristorazione in quel di Cassinasco, Paolo Chiriotti e Bruna Cane con la figlia Sara e il fidanzato (oggi marito) Piero Bicchi sono prima approdati nel centro storico di Acqui Terme, nel prestigioso Palazzo settecentesco di "Casa della Porta", quindi nell'attuale location di Casa Carmaglieri, antica sede del Comune risalente al secolo XV.









Accanto al portone d'ingresso, la palina con le informazioni storiche del Palazzo e le bacheche con i menu.
Il locale si trova al primo piano, al culmine di una signorile scala dai gradini in pietra.









Il primo ambiente che si incontra è la zona bar.
Subito colpiscono i magnifici soffitti a volte sostenuti da possenti colonne in pietra con capitello, ma è tutto l'arredamento in generale, con un accostamento di gran gusto fra l'antico e il moderno, ad affascinare.









Le cucine si affacciano a vista su questa prima zona che funge anche da ricevimento.
Ampie, moderne e funzionali, sono il regno incontrastato di Bruna Cane, con la collaborazione della figlia Sara per la pasticceria.









Dal primo ambiente che abbiamo descritto, un breve corridoio conduce alle sale da pranzo.
Sul lato destro sono stati predisposti due salette curate ma informali, con i tavoli apparecchiati con tovagliette all'americana e runner, particolarmente adatte per un pasto di mezzogiorno non troppo impegnativo, magari con uno dei "piatti unici" proposti dalla Brasserie.

















Sul lato sinistro si trova invece il salone di rappresentanza, caratterizzato da soffitti affrescati e da un tono generale di maggiore ricchezza, a cominciare dalle poltroncine vestite per terminare con le apparecchiature.











Il servizio è svolto con garbo e savoir faire da Sara Chiriotti e dal marito Piero Bicchi.





La "mise en place" prevede posate Mafra e calici Schott Zwiesel.