Sélectionnez votre langue


Piazza Canonico Borgna Don Pietro, 9
Verduno (CN)
Tel. 0172 470125
Fax. 0172 470298




Data/Date: 17-6-13
Tipologia del Locale: Ristorante
Chef: Alessandra Buglioni di Monale


ATTENZIONE!
Abbiamo pubblicato un nuovo reportage del Real Castello di Verduno a questo link.






Les reportages de Convivium n'ont pas besoin des légendes (et la plupart des noms des plats n'est pas traduisible)
Notre "format" photographique veut donner l'impression de vivre une véritable expérience du goût et du plaisir, avec les photos de tous les plats!
C'est pourquoi nous vous invitons à continuer la lecture sans tenir compte des textes en Italien.
Descrizione

Il Real Castello di Verduno, Ristorante ed Albergo (un hotel di raffinata eleganza, di classificazione ufficiale ben al di sotto della reale qualità dell'offerta), gode di una splendida posizione che permette allo sguardo di spaziare dalle Langhe e il Roero fino alle Alpi.







Ci troviamo in un magnifico castello del XVI secolo, completamente restaurato in fasi successive.
Varcato il grande portone in legno massiccio, un vasto ambiente con gli alti soffitti affrescati, adibito a salottino e reception, si affaccia sul bel giardino antistante.













Appese alle pareti, le fotografie d'epoca della famiglia Burlotto, che dal 1909 è proprietaria della tenuta.
Il giardino, rigoglioso e quieto, con un pozzo al centro adorno di fiori, è il luogo ideale per un aperitivo, una cena a lume di candela, o semplicemente per meditare sorseggiando un bicchiere di vino.







Il ristorante si articola in due sale settecentesche di grande carattere, caratterizzate da pavimenti in cotto antico, caminetti, soffitti altissimi e pareti color salmone chiaro e bordeaux.















La cucina è grande, moderna e ben attrezzata.
Alessandra Buglioni di Monale vi opera con grazia e leggiadria, creando piatti paragonabili ad artistiche composizioni floreali...
Le sue pietanze sono quelle della cucina di famiglia, ma accanto ai grandi piatti tradizionali Alessandra ha integrato una sottile linea di freschezza, tra voglia di novità e continua selezione degli ingredienti stagionali.
Il menu stesso affascina per la sua stesura, che cala il commensale in un'atmosfera d'altri tempi, con l'uso di un linguaggio degno di Artusi.







Gli ampi tavoli rotondi e quadrati sono apparecchiati con immacolati tovagliati Quagliotti, posate Sambonet e calici Riedel.





Siamo stati serviti con garbo e grande savoir faire da Alessandra in persona e dalla mamma Elisa Burlotto.