Seleziona la tua lingua


Via A. Volta, 19
Cervo Alta (IM)
Tel. 0183 400175

Locale del cuore di Convivium

Data/Date: 6-4-14
Reportage precedenti: 14-6-09
Tipologia del Locale: Ristorante gastronomico (Stella Michelin fino al 2018)
Chef: Caterina Lanteri Cravet




Descrizione

Il ristorante San Giorgio si trova in magnifica posizione panoramica nel delizioso borgo storico di Cervo Alto, uno dei più notevoli della Riviera Ligure di Ponente.

















Vi si accede dalla piazzetta lastricata attraverso la porta delle antiche mura.
Gli interni sono strutturati in numerose affascinanti salette, arredate come bomboniere, ricche di calore e di charme.
All'ingresso spicca la vetrata gotica con la figura di San Giorgio.







Nella foto sopra, il vostro cronista con Caterina Lanteri Cravet nell'angolo bar accanto alla porta della cucina.
L'arredamento è caratterizzato da una profusione di tappeti, tendaggi, ninnoli e argenti disposti con gusto, che caratterizzano fortemente l'ambiente senza risultare sovrabbondanti.



















Fra credenze, mensole e vetrinette, specchi, quadri e candelabri, spiccano il grande pendolo antico e le collezioni di oli, di Whisky (Macallan, a partire dal 1965) e di Armagnac pregiati.







Di fronte alla terrazza esterna, ecco una seconda saletta con la vetrinetta che contiene i calici. per il vino.





Una terza saletta, la vecchia cucina, è apparecchiata con un ulteriore tavolo.
Il San Giorgio dispone di un terrazino panoramico per prendere l'aperitivo o per fumare...





... E di una splendida terrazza vista mare dove viene apparecchiato durante la bella stagione.
In ambedue il panorama "coup de coeur" rappresenta un elemento di fascino irresistibile.





Originale l'idea di usare delle vecchie acquasantiere come vasi da fiori...
Il "Sangiorgino" -spazio sottostante al ristorante, ambientato in un vecchio frantoio del XIII secolo, in cui degustare vini a calice accompagnati da stuzzichini, degustare olii pregiati o consumare un pasto meno impegnativo- il suo piccolo giardino e la cantina climatizzata per i vini importanti, completano la nostra carrellata di immagini descrittive di un luogo che colpisce fin dal primo contatto.









Guidato da Alessandro Barla, squisito padrone di casa e Sommelier, il personale (che veste in grembiule nero) è quantomai competente e motivato.
Le eleganti apparecchiature prevedono fiori freschi e una candela accesa su ciascun tavolo, sedie vestite in broccato color porpora e ricchi tovagliati nel medesimo tessuto con coprimacchia di lino bianco, tovaglioli tenuti in forma da un cordoncino di rafia rosso con fiocco.
La "mise en place" è molto curata, con secchielli per il ghiaccio, posate Sambonet in argento e calici Riedel e Zafferano.